800 66 18 06

Colore delle perle

I 7 fattori del valore di una perla :

 DIMENSIONE • FORMA • COLORE • LUCENTEZZA • SUPERFICIE • MADREPERLA • OMOGENEITÀ

Quali caratteristiche contribuiscono ai colori delle perle ? In che modo la composizione di perle influenza l’oriente ? In che modo la GIA fornisce un linguaggio comune ai colori delle perle ?

Colori delle perle di coltura e fini

Componenti del colore

Il colore di una perla come il colore di tutti gli oggetti conosciuti all’uomo contiene 3 componenti di base :

- La tinta : Prima impressione sul colore
- La valore : Grado di luminosità e di oscurità. Ampiezza della luminosità che definisce il colore. Più è vicina al nero, più il valore sarà basso. 
- La saturazione : La sua forza, la sua intensità. Riguarda la vivacità (purezza) di un colore.

Tinte delle perle

Le perle di coltura offrono una larga gamma di colori dalle tinte fini :

Tinte calde

Cominciando dalle tinte calde come il giallo, l’arancione ed il rosa…

Tinte fredde

Si arriva fino alle tinte più fredde come il blu, il verde e il viola. Proprio come le pietre colorate, le perle di coltura offrono al consumatore una moltitudine di colori.

Caratteristiche del colore delle perle

Osservate da vicino una nascita della natura. Un fiore appena sbocciato, la pelle di un neonato… Vi renderete conto che le loro composizione è un eccezionale assortimento di colori.

Le perle non si sottraggono a questo fenomeno. La struttura interna di una perla è costituita da fini strati di madreperla permettendo alla luce di penetrare e di separarsi prima che venga riflessa ai nostri occhi.

Risultato : Nel momento in cui ammiriamo la bellezza di una perla, percepiamo un complesso miscuglio di effetti ottici.

Componenti del colore di una perla

Il colore di una perla ne contiene 3 principali:

- ll colore di fondo : (O colore dominante) : È la tinta dominante presente su tutta la superficie della perla. 
- ll colore di superficie : Una o più tinte traslucide che si percepiscono al di sopra del colore di fondo. 
- L'oriente : Una serie di colori iridescenti, simili a quelli di un arcobaleno, che luccicano sulla superficie di una perla.

Da notare : Tutte le perle hanno un colore di fondo, ma non tutte presentano quello di superficie o d’oriente.

ll colore di fondo di una perla

Sono molte le variabili che possono influenzare il colore di una perla :

- La specie del mollusco 
- ll colore dell’impianto
- I differenti elementi presenti nell’acqua durante la coltura.

Fino a poco tempo fa, il colore delle perle si classificava in una gamma piuttosto tortuosa secondo la loro varietà. Alcuni tipi di perle propongono tipicamente alcune gamme di colori.

Ad esempio le perle Akoya abitualmente sono di color bianco o crema.

Ora invece, le perle d’acqua dolce o di Tahiti sono proposte in un assortimento di nuovi colori: lavanda, marrone, blu, arancione, rosa e molti altri. Questo fenomeno è sorprendente per una grossa parte di consumatori abituati alle perle bianche.

Campagne pubblicitarie

I consumatori, tramite le campagne pubblicitarie, si rendono sempre più conto della varietà di colori adottati dalle perle. Nel 1996 ad esempio, una nota pubblicità menzionava delle perle color pistacchio.

Moda e tendenza associate alle perle colorate

In passato, i produttori di perle non davano importanza alle perle colorate. Attualmente, queste stesse perle sono diventate nuove scelte per il mercato, portate dalla moda e le sue tendenze.

Diversi tipi di perle possono proporre colori simili. Questo da al consumatore, un ampio numero di scelte per ogni colore. Il bianco ad esempio lo si può trovare sia in una perla di cultura Akoya che d’acqua dolce o ancora d’Australia.

ll colore di superficie di una perla

Caratteristiche del colore di superficie

Il colore di superficie è composto da una o più tinte diverse, tenui e traslucide, collocate sulla superficie di una perla. Il colore di fondo traspare attraverso quello della superficie, come tinta principale della perla; quindi il colore di superficie, se presente, è in ogni caso secondario rispetto al colore di fondo.

Esempi di colore di superficie

Un esempio rappresentativo del colore di superficie si può ritrovare nel viso truccato di una donna. I colori mettono in valore il rossore degli zigomi mentre i diversi strati del fondotinta procurano un aspetto estetico più globale.

Varietà di colore di superficie

Molte perle sono proposte con uno o più colori di superficie come il verde, il blu o ancora il rosa. In compenso altre perle non possiedono colori di superficie.

L’oriente di una perla

Caratteristiche dell’oriente

Oltre al colore di fondo ed a quello di superficie, le perle possono presentare anche un bellissimo effetto ottico chiamato oriente. Si tratta di una serie di colori iridescenti che lampeggiano attraverso la sua superficie. Ruotando la perla sembra quasi che le tinte iridescenti si spostino e si modifichino come l’effetto cangiante dell’arcobaleno osservabile nelle bolle di sapone.

L’oriente e la madreperla

Nonostante la superficie di una perla sia liscia e levigata, se osservata tramite le potenti lenti di un microscopio, si potrà notare che la madreperla di cui è formata è composta da sottilissimi strati di conchiolina, di cristalli d’aragonite, di tracce d’acqua e di diversi ioni. La loro particolare disposizione causa un’interferenza delle radiazioni luminose e gli danno un aspetto iridato.

Sostanza organica, la conchiolina è presente in piccolissime quantità nella madreperla (dal 4 al 6% circa) e ne determina la sua struttura fungendo da “cemento” ai cristalli d’aragonite (che rappresentano circa il 90% della madreperla).

Le proteine presenti nella madreperla producono il carbonato di calcio sotto forma di aragonite e sembrerebbe che la parte solubile delle proteine sia responsabile della formazione del cristallo, mentre la sua parte insolubile ne determinerebbe le densità, la taglia e la quantità dei cristalli.

I raggi di luce che illuminano la superficie della perla, penetrano attraverso le sottili piastrine di madreperla. A cause delle diverse componenti della madreperla, la luce interagisce con ciascuno di essi in maniera diseguale, modificando la velocità e la direzione. Queste interferenze definiscono le caratteristiche dell'oriente.

Linguaggio comune delle perle

Ecco il caso di un cliente che si rivolge a un venditore di perle

Nel momento in cui un cliente desidera acquistare una perla di coltura di un colore ben preciso, presso un venditore di perle tramite telefonata, si possono presentare situazioni particolari :

Cliente : “Vorrei acquistare una perla di coltura color oliva”.

Venditore : “Ciò significa verde o nero? Il colore oliva, come sapete bene, si declina in questi due colori”.

Cliente : “Ah sono spiacente, ovviamente parlo del colore verde. Siete in possesso di perle di coltura di colore verde ?”.

A questo punto del discorso, il venditore pensa ad un colore verde con tinte leggermente gialle. D’altra parte, il cliente pensa ad una perla di coltura verde e leggermente grigia. I due protagonisti sperano di pensare allo stesso colore, ma, in realtà non è cosi.

Questo problema di comunicazione può essere evitato se il venditore dice enuncia semplicemente al suo cliente: “Cercate di identificare il codice del colore ricercato. Dal mio lato, cercherò di procurarmi la lista dei colori. Se ne riparlerà solo dopo”.

Questo genere di soluzione improvvisata non è l’ideale nell’essere attuata. Da una parte, il venditore è troppo occupato a cercare la tabella dei colori mentre d’altra parte, le tabelle di colori che troviamo in commercio propongono una dozzina di colori troppo saturi per essere applicabili alle perle.

Quali sono le esigenze per quanto riguarda il colore di superficie e l’oriente? La tabella dei colori non cita niente a riguardo. Tuttavia, il venditore non sbaglia nel momento in cui suggerisce che le due parti debbano riferirsi ad una sola e medesima tabella di colori.

Il GIA propone un sistema per la descrizione delle perle

Il Pearl Description System ( Sistema per la descrizione delle perle) del GIA, Gemological Institute of America, è stato redatto ed accettato universalmente, per stabilire in maniera definitiva una scala univoca per definire il colore delle perle. Il GIA ha raggruppato il colore di fondo delle perle in tre categorie principali, secondo il tipo:

Neutri : Il bianco, il grigio e il nero 
Quasi neutri : L’argento, il crema e il bruno
Tinte : Tutti gli altri colori

Nel sistema GIA sono riconosciute 19 tinte delle perle. La ruota dei colori, come si può notare, le vede disposte in modo particolare, suddivise tra tinte calde ( dal rosso purpureo al giallo verdastro) e tinte fredde ( dal verde giallastro al porpora rossastro). Questo sistema raggruppa i colori delle perle in categorie utilizzando la terminologia di riferimento standard del colore. Non esiste, infine, un colore che possa essere definito il migliore.

Traduzione dei colori delle perle

Albicocca : Perle di coltura d’acqua dolce arancioni, leggermente rosate. 
Melanzana : Perle di coltura di Tahiti dotate di un colore malva-grigio. 
Dorate : Perle di coltura fortemente gialle-verdi a gialle-arancioni. 
Lavanda : Perle di coltura d’acqua dolce color malva leggermente rosate. 
Pavone : Perle di coltura di Tahiti di colore verde-grigio scuro fino a grigio-blu, con un colore di superficie da rosa a malva. 
Pistacchio : Perle di coltura di Tahiti di colore verde-giallo fino a giallo-verde.

Colore della perla e valore

Moda e colore delle perle

Quali colori, per quanto riguarda le perle, riscuotono maggior successo ? Come per le pretaporter, la moda dei colori delle perle cambia di anno in anno.

Per le perle di Tahiti, il colore verde con dei colori di superficie dal blu - rosa al momento sono molto apprezzati, non meno delle tradizionali di colore nero-grigio.

Colore di superficie, oriente e valore

Colore di superficie e valore

La presenza di un colore di superficie è qualcosa in più, come ad esempio le perle di Tahiti dai multipli colori di superficie che la fanno assomigliare al piumaggio vibrante di un uccello esotico.

Oriente e valore

Certe persone pensano che a pari criteri di valore, la presenza dell’oriente sia un fattore aggiuntivo del valore.

Attualmente sappiamo che l’oriente è il risultato del passaggio della luce attraverso i diversi strati di madreperla della perla. Per questo motivo, lo spessore della madreperla tenderà a determinare la presenza o no dell’oriente. Sovente la l’oriente è presente nelle perle fini e di coltura d’acqua dolce. Questi due tipi di perle non comportano nucleo ed hanno abitualmente uno strato di perlagione molto spesso. Quando la luce penetra attraverso le sottili piastrine di madreperla, l’iridescenza del colore diviene sempre più pronunciata.

La forma della perla è ugualmente un fattore determinante per identificare la presenza o no dell’oriente. Ad esempio l’oriente è meno frequente nelle perle sferiche e lo è maggiormente in quelle barocche.

La forma di una perla può ugualmente influenzare lo spessore della madreperla. Molte forme barocche contengono dei depositi irregolari di madreperla che si sono creati durante la formazione della perla. Queste zone di solito comportano un oriente molto pronunciato.

Successivo

Precedente