Sali

Scoprire l’Oro

Chi siamo

L'oro

L’oro, un metallo nobile 

L’oro, rappresenta il metallo nobile più usato in gioielleria. L’oro puro è inossidabile. Molto tenero, lucente, l’oro è raramente utilizzato puro ma generalmente in leghe.

Per la sua duttilità, oltre che per la sua malleabilità che per la sua rarutà, è considerato tra i metalli più preziosi al mondo.

Le diverse tinte delle leghe oro

Le diverse leghe d’oro permettono di ottenere diverse tinte d’oro :

- L’oro giallo chiaro, giallo scuro (lega d’argento e di ottone)
- L’oro rosa, rosso (lega di ottone)
- Oro bianco (nichel, zinco, palladio con placcatura di rodio)

Differenze tra leghe d'oro

Il termine “Carato” designa 2 entità distinte :

- La prima relativa alla massa delle gemme (pietre preziose, diamanti, rubini…)
- La seconda relativa alla purezza dei metalli (come in questo caso l’oro)

Di conseguenza il peso in carati delle gemme non è in alcun modo comparabile a quello dei metalli.

Il carato in gioielleria

In gioielleria i carati fanno riferimento alla percentuale della massa d'oro presentein un dato metallo. Non esiste oro puro al 100%

Oro 24, 18 e 14 carati

L’oro, essendo un metallo molto tenero, non s'impiega generlmente mai allo stato puro (anche detto oro 24 carati) ma in lega con altri metalli come ad esempio l'orgento che lo rende più duro e resistete.

In gioielleria viene comunemente usato l’oro 18 carati, 14 carati (Inghilterra, Stati Uniti) o ancora 9 carati. L’oro 18 carati è un metallo resistente e risulta essere il più utilizzato in Italia. Per ottenerlo ci si serve di oro puro a 24 carati unito ad altri metalli più resistenti (l’oro 24 carati è un metallo troppo tenero). L’oro giallo 18 carati è composto dal 75% di oro puro unito a ottone e argento.

L'oro bianco

L’oro bianco 18 carati è anch’esso composto dal 75% di oro puro misto a palladio, ottone e argento. L’oro bianco, infine, subisce un trattamento di rodiatura, ovvero un procedimento ad opera esclusiva di un orefice, destinato a “rinfrescare” la placcatura di rodio sul gioiello.

Questo trattamento non ha un costo eccessivo ed è l’unico trattamento che contrasta l’ingiallimento dei gioielli in oro bianco con alle spalle una scarsa manutenzione.

L'oro 9 carati

L’oro 9 carati è ugualmente un metallo solido e sempre più venduto in gioielleria. Un gioiello in oro 9 carati è composto per il 37.5% di oro puro e per il 62.5% di altri metalli. Per altri metalli si intendono leghe con maggioranza d’argento.

Un gioiello dal peso di 9 carati risulterà del 30% più economico e dalla lega più robusta di un gioiello dal peso di 18 carati.

Carati
24
22
20
18
16
14
12
10
8
% d'oro
99.99
91.67
83.34
75.01
66.68
58.35
50.02
41.69
33.36
Millesimi
999
917
833
750
667
584
500
417
337

Cura dell’oro

Nonostante le diverse leghe ottenute, l’oro rimane un metallo tenero che si graffia con facilità e si consuma sotto l’effetto di continui sfregamenti.

Sarà quindi necessario indossare le tue fedi in diamanti o qualsiasi altro anello con la massima cura ed evitando contatti bruschi con altri solidi. Consigliamo una regolare pulizia utilizzando il panno fornito da Casa Gemperles (efficace perché non lascia impurità sul gioiello).

Possiamo inoltre suggerire di togliersi l’anello una volta a casa ad esempio. Potete anche verificare voi stessi, con l’ausilio di una lente, l’incastonatura delle gemme dei vostri anelli, una volta l’anno. Al minimo dubbio, non esitate a mettere il vostro gioiello in mano ad uno specialista.