A DICEMBRE ❄ SPEDIZIONE IN OMAGGIO ❄ SELEZIONE DI GIOIELLI IN PROMOZIONE
Sali

Gemme

Le gemme

Le Gemme

...Un mondo da scoprire

Gemme in gioielleria

Criteri delle gemme

Per ricevere il nome di gemma, un minerale deve rispondere a diversi criteri: la durezza, la lucentezza, la trasparenza, il colore ed anche la rarezza. Ecco perché solo qualche specie di minerale può essere designata per quest’appellativo. Utilizzate in gioielleria fin dalle civiltà antiche, le gemme sono l oggetto di un vero e proprio lavoro artistico.

Le gemme nei secoli

Pietre dei mesi

Fin dai tempi più antichi, l’uomo ha sempre cercato alcune pietre che si distinguevano dal loro ambiente per i loro colori vivi e la loro inalterabilità. Per molto tempo a queste gemme sono state attribuite virtù magiche a queste gemme, e, tuttora qualcuno vuole ancora pensare che portano la felicità: sono le famose “pietre dei mesi” corrispondenti ai diversi segni dello zodiaco…

Incisioni sulle gemme

Con lo scopo di accrescere i loro poteri sovrannaturali, l’uomo, molto presto, cominciò a incidervi dei segni: nacque così la gliptica o glittica (incisione delle gemme), che, apparve con un sigillo in Asia Minore e risaliva al IV millennio a.C.. Più avanti la gliptica fu perfezionata dagli egiziani, in seguito con i greci e i romani introdussero anche i camei, tra i quali si trovano vere e proprie opere d’arte ed alcune possono essere ammirate ancora oggi al museo nazionale di Napoli.

Pietre preziose e gemme ornamentali

Nel Medioevo (anche fino al Rinascimento), ci fu un vero e proprio vizio delle pietre preziose che erano impiegate nella fabbricazione di oggetti ornamentali sempre più decorati e di abiti eleganti d ogni genere.

Simbolismo delle gemme

Colore delle pietre semi-preziose

È stato ovviamente il colore ad attirare l’attenzione dei nostri avi verso le pietre ornamentali e le gemme:

- Lo smeraldo perché rievoca la crescita della natura e i futuri raccolti, diventano simboli di speranza e di rinascita e quindi d’immortalità.

- l rubini e le granate rosse suggeriscono il fuoco e il sangue. Cono considerati simboli di forza e di vita, quindi, di ardore.

- Lo zaffiro e i lapislazzuli, che ricordano il blu del cielo, rappresentano le potenze divine e diventano così un simbolo di collegamento con gli dei..

- L’oro e l’ambra, che panno pensare al sole, fonte di calore positiva, sono scelti per simbolizzare la protezione divina.

Gemme divine

Così, le gemme sono soprattutto simboli divini che sono omaggiati (sacrificati) agli dei per placare la loro collera ed ottenere il loro favore. È il figlio del sole, l’imperatore di Cina, che utilizza la giada per il bene del suo popolo. Il tiranno Policrate getta il suo anello il mare per cercare di alleviare la fortuna. Infine sono i popoli d’America del Sud che offrono oro e smeraldi al “lago di grasso”(Titicaca).

Capitribù, preti e monarchi, che fungono da tramite tra le divinità e il popolo, detengono naturalmente gli emblemi della forza degli Dei e ne sono i portavoce. Le corone reali e imperiali del Medioevo sono ornate da zaffiri, che simbolizzano l’unione del monarca con il cielo, e da rubini, simbolizzanti l’ardore in battaglia.

Segno sociale delle gemme

Gemme, simbolo gerarchico

La gemma denota ugualmente la funzione sociale, non solamente del capo, ma anche dei suoi assistenti, ecc… Per mostrare la sua potenza e impressionare il suo avversario, il monarca è ricoperto di pietre.

In una società malto gerarchica, uno stemma o insegna mostra la classe sociale come anche l’anello dei cavalieri. Nel Rinascimento, allo stesso modo, il taglio dei capelli serviva sempre per denotare in qualche modo il livello del suo proprietario.

Gemme, supporti del sigillo

La gemma è anche il supporto del sigillo, insegna dell’individuo che può, grazie a lui, affermare la propria volontà o segnare il suo territorio. I sigilli che rappresentano la volontà del monarca, diventano l’emblema del poter: la guardia del sigillo è un importante personaggio dello stato. Consegnare l’anello con il sigillo ad un ambasciatore equivale e dargli tutti i poteri.

Da qui, la gemma (con particolari incisioni), indica l’appartenenza di un individuo a tale o tal’altro partito. Può essere consegnata per ringraziare dei servigi oppure essere portata in segno di sottomissione. Nella vita privata materializza lo scambio della promessa e ne diviene il simbolo (anello di fidanzamento).

Le gemme, pietre protettrici

Talismano

Simbolo di appartenenza, emblema divino, non c’è niente da fare per fare divenire la gemma un talismano, che offre una protezione divina a chi lo porta (nel caso in cui raffiguri il dio o semplicemente un segno cabalistico). Al Medioevo, si usava avere una gemma con sopra incise la famosa parola magica “abrasax” o “abraxas”. Qui la somma dei valori numerici delle lettere è pari al numero dei giorni in un anno. Per ringraziare gli dei per il loro beneficio (una guarigione), si usava offrire al tempio una piccola scultura che rappresentava la parte guarita.